Vegolosi.it è fra i 100 siti di informazione più importanti in Italia secondo Audiweb

La classifica vede il nostro giornale online insieme a grandi giganti: un segnale interessante che va analizzato

E’ stata una bella sorpresa, anzi, bellissima. Per la prima volta un sito di informazione, un giornale, che si occupa al 100% di cultura vegana da ben 7 anni, è fra i 100 siti di informazione online più letti d’Italia. Siamo in una lista che comprende colossi come Repubblica e Corriere Della Sera, giornali che trattano qualsiasi argomento. E poi ci siamo anche noi, l’unico giornale di questo tipo in tutta la classifica.

Questo è un articolo per festeggiare un dato importante che sembra voler essere ignorato dalle notizie politiche che arrivano nel nostro paese, ultima quella della proposta per le linee guida per la ristorazione pubblica che chiederebbe una prescrizione medica per mangiare 100% vegetale: il fatto è che la scelta vegana, la filosofia vegana, sta parlando in ogni caso, sempre più forte, anche attraverso di noi, a tante persone e lo sta facendo non solo mostrando che l’alimentazione vegetale è ricchissima, varia, golosa, perfetta, salutare e buonissima, bensì informando, trattando temi complicati, a volte anche fastidiosi  e terribili come la violenza gratuita e inutile su miliardi di animali nel mondo.

Cosa facciamo?

 

Ogni giorno la nostra redazione racconta quello che succede nel nostro paese e nel mondo perché la visione globale è fondamentale per comprendere che la scelta vegana non è mai stata una moda, una “scelta di esclusione”, bensì di inclusione, di allargamento degli orizzonti della propria cultura culinaria ma, soprattutto, della propria visione etica ed empatica del mondo. Perché è dai tempi di Plutarco che l’uomo si interroga sul suo ruolo nel mondo e sul suo diritto di usare altre specie viventi per la propria alimentazione, perché ragionando è chiaro che un animale non è una macchina e che possiamo fare molto meglio di così in quanto specie “evoluta”. Parliamo a tutti, da sempre: il nostro pubblico è fatto per la metà da chi vegano non lo è ma sta introducendo sempre di più nella propria alimentazione interi menu e piatti a base vegetale. Il nostro pubblico è costituito da chi ha voglia di leggere e fermarsi a capire, andando oltre ai titoli. Chi si avvicina a questa scelta alimentare e di vita non si sentirà mai giudicato qui, perché non c’è nulla da giudicare o biasimare, c’è solo da prendere consapevolezza e provare a cambiare rotta, aiutati da chi quel passaggio lo ha già fatto.

Che cosa sta succedendo?

Negli ultimi due anni, grazie anche al movimento contro la crisi climatica e l’esposizione mediatica di personaggi come Greta Thunberg che hanno spiegato la loro scelta alimentare, il ruolo che il nostro modo di alimentarsi ha anche sull’ambiente è diventato sempre più evidente e anche se si continuerà a sentir minimizzare il ruolo di una “bistecca ogni tanto” o si continuerà a sentir dire che “le scelte alimentari sono qualcosa di individuale”, noi continueremo a raccontare che non è affatto così e lo faremo giornalisticamente, ascoltando i testimoni, parlando con gli esperti, verificando le fonti, cucinando e divulgando ricette, scrivendo libri ed ebook.

Il nostro è un grande traguardo fra grandi cifre, ma sappiamo bene che per questo paese è un passo enorme ed è stato fatto grazie a voi che leggete, condividete e parlate con noi. Quindi su questo grande podio ci stringiamo ben bene per accogliervi tutti e guardare al prossimo traguardo… battere Repubblica.it (stiamo scherzando… ma chissà).

Federica Giordani, direttore di Vegolosi.it e tutta la redazione

Insieme

Abbonarsi a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, ti permetterà di goderti ricette inedite, contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it e il lavoro facciamo ogni giorno per permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezzaSe vuoi, puoi farlo da qui.

***

Non ora ma ricordamelo!

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto e ti invieremo un massimo di due email, nei prossimi 30 giorni.

Print Friendly
0