"Ora del latte", LAV: "E' ingannevole, il latte non è necessario"

“Ora del latte”, LAV: “E’ ingannevole, il latte non è necessario”

La LAV si pronuncia contro la campagna lanciata negli scorsi giorni dal Ministero delle Politiche Agricole finalizzata a promuovere il consumo di latte fresco

“#oradellatte è una campagna ingannevole”. Tuona così la LAV contro la campagna lanciata il 26 maggio dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Mipaaf) per promuovere il consumo di latte fresco, per la produzione della filiera e la riduzione degli sprechi.

La campagna

La campagna rientra nella strategia che il Mipaaf ha messo a punto per il sostegno del settore caseario italiano anche in collaborazione con organizzazioni agricole, cooperative, industria e grande distribuzione organizzata. Fanno e faranno parte della campagna spot e locandine con testimonial Carlo Cracco, Cristina Parodi, Demetrio Albertini e Giorgio Calabrese, nonché un sito apposito con informazioni e quiz. Di seguito le parole del ministro, Maurizio Martina:

“Scegliere la qualità del latte fresco per i consumatori di ogni età vuol dire saper riconoscere e apprezzare tutto ciò che c’è dietro: l’impegno di chi lavora nella filiera, ma anche le sue proprietà nutritive. Per questo abbiamo voluto fortemente una campagna istituzionale per rilanciare i consumi di questo prodotto che fa parte della nostra tradizione alimentare. I consumatori potranno così aiutare sempre di più gli allevatori italiani ad uscire da una crisi strutturale, che vede tante aziende in sofferenza. Bere latte fresco, oggi, assume un significato ancora più importante”.

Il piano del Ministero prevede 120 milioni di euro di investimenti: 32 milioni per l’aumento della compensazione Iva al 10% per il latte venduto alla stalla, altri 25 per il sostegno diretto agli allevatori, 10 per l’acquisto di latte crudo da trasformare in Uht (Ultra High Temperature, per conservarsi cioè più a lungo) e da destinare agli indigenti.

La contromossa della LAV

Il presidente LAV Gianluca Felicetti chiede senza mezze misure l’intervento dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, poiché sulle pagine del sito il latte viene definito un alimento “fondamentale in tutte le fasi della vita degli individui” e “indispensabile per il nostro organismo nella fase dello sviluppo e nell’età adulta”.

“Il termine indispensabile è stato già censurato come ingannevole negli anni scorsi dall’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria su nostra istanza contro Mellin e Consorzi di produttori di carni che intendevano accreditare il messaggio che è impossibile vivere senza alimentarsi con proteine animali, e questo è contraddetto dalla vita di milioni di vegani e di intolleranti al lattosio in tutto il mondo e in tutte le epoche. Siamo l’unica specie di mammiferi che prende il latte alle altre specie animali, sottraendolo ai loro piccoli fatti nascere a forza. Siamo scandalizzati che il Ministero delle Politiche Agricole bruci ben 120 milioni di euro di aiuti per un sistema zootecnico dopato dai contributi pubblici, incapace di reggersi solo sulle proprie gambe. E’ incredibile infine che ai numerosi tipi di latte vegetale sia applicata addirittura l’IVA al 22% come bene di lusso, contro quella al 4% del latte di origine animale: una discriminazione nei confronti degli agricoltori e una vessazione per una sempre più consistente parte dei consumatori”.

Felicetti cita numeri inconfutabili: il 90% dei cittadini asiatici negli Stati Uniti, il 70% di quelli di origine africana e dei nativi americani e il 50% degli ispanici sono intolleranti al lattosio. Come può quindi essere definito fondamentale un alimento che larghe fette della popolazione mondiale non consumano? Il latte di origine animale è una delle tante fonti possibili di calcio, non l’unica né la più eticamente corretta: esistono eccellenti fonti vegetali.

Le parodie   

Questo è uno dei primi video-parodia apparsi in rete, ma le reazioni alla campagna lanciata dal ministro Martina cominciano ad aumentare. Tra le iniziative possiamo segnalare l’hashtag #èloradellattevegetale, di cui è nato anche l’evento Facebook: basta riprendersi in una foto accanto alla propria bevanda vegetale preferita e pubblicarla sui social.

Yuri Benaglio

Print Friendly
0