La dieta vegetariana fa bene o fa male?

La dieta vegetariana fa bene, la dieta vegetariana fa male. Quasi ogni giorno rimbalzano su agenzie di stampa, giornali e social, notizie più o meno allarmanti o confortanti che ci vorrebbero guidare nello scegliere che cosa portare in tavola ogni giorno. La notizia che sta facendo il giro rapidissimo del web che riguarda una ricerca apparsa su “Plos One”, rivista edita da Plos, organizzazione no-profit di scienziati e medici che utilizza il concetto di peer review (ossia la valutazione degli articoli scientifici da parte di una comunità di scienziati), ne è un classico esempio.

Che cosa dice la ricerca
L’articolo scientifico, edito dalla Facoltà di medicina dell’Università di Graz, in Austria, ha esaminato i dati dell’Austrian Health Interview Survey, ossia un sondaggio realizzato fra il 2006 e il 2007 su un campione di 1320 persone di nazionalità austriaca, di cui 330 strettamente vegetariane, le altre 330 che seguivano una dieta carnivora ricca di frutta e verdura, 330 che seguiva una dieta ricca di carne e altri 330 con una dieta carnivora meno ricca di carne. La ricerca ha dimostrato come il campione che seguiva una dieta strettamente vegetariana risultava più attiva e meno propensa a vizi come fumo e alcool, ma, ed è qui che si è accesa la fantasia dei titolisti di quotidiani e riviste, presentava una salute più cagionevole con maggiori rishi di allergie, cancro e problemi mentali. Insomma, un disastro.

Che cosa non è chiaro
Al di là del fatto che i dati siano basati su un sondaggio realizzato su 1320 persone, che gli stessi autori abbiano segnalato che “Our results emphasize the necessity of further studies in Austria, for a more in-depth analysis of the health effects of different dietary habits” (“I nostri risultati sottolineano la necessità di ulteriori studi in Austria e un’analisi più specifica sugli effetti sulla salute dei differenti usi e consumi alimentari”), non è chiaro tutto questo possa aver scatenato titoli come: “Vegetariani depressi e meno in salute”, “Essere vegetariani fa male alla salute”, o ancora “La dieta vegetariana peggio di quella carnivora”. Non è chiaro, inoltre, leggendo la ricerca, se le persone intervistate fossero già ammalate di alcune patologie prima di iniziare la loro dieta vegetariana (nel qual caso forse la percentuale maggiore sarebbe già spiegata). Inoltre: coloro i quali seguivano una dieta vegetariana, come lo facevano? La loro diete era varia e bilanciata? Leggendo risulta che alcuni di loro, per esempio, mangiavano pesce (sic.)

Fa bene? Fa male?
Una cosa è certa: sulla salute non si scherza e lanciare allarmi o speranze su effetti deleteri o miracolosi dei regimi alimentari, di qualsiasi natura essi siano, non è un’attività da compiere alla leggera. Informarsi, leggere, mangiare in modo vario ed equilibrato e consultare un nutrizionista o un medico per chiarirsi dubbi o comprendere quale alimentazione sia migliore per il nostro corpo, è la cosa di maggior buon senso che possiamo fare. Nel frattempo sappiamo già che molti “carnivori” convinti, sventoleranno questa ricerca come assoluta riprova della salubrità della loro dieta, senza però citare il fatto che siano all’incirca 250 i lavori scientifici a sostegno del fatto che diete vegetariane e vegane siano equilibrate dal punto di vista nutrizionale.

F.G

Insieme

Abbonarsi a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, ti permetterà di goderti ricette inedite, contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it e il lavoro facciamo ogni giorno per permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezzaSe vuoi, puoi farlo da qui.

***

Non ora ma ricordamelo!

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto e ti invieremo un massimo di due email, nei prossimi 30 giorni.

Print Friendly
0