Orsa KJ2, richiesta archiviazione per l’abbattimento: “Uccisa per necessità”

Richiesta l’archiviazione del fascicolo aperto per l’abbattimento di KJ2: il Gup dovrà decidere se l’orso sia morto per “necessità”

Richiesta l’archiviazione del fascicolo contro ignoti per l’uccisione dell’orsa KJ2, abbattuta lo scorso agosto dopo che aveva aggredito un uomo che a sua volta l’aveva spaventata e aggredita, nelle vicinanze del lago di Terlago, nella Valle dei Laghi in Trentino. La richiesta è partita dal procuratore Marco Gallina che si è basato sul concetto di “necessità”: abbattere l’orsa era “necessario”, a prescindere dal fatto che il pericolo rappresentato dall’animale non fosse contingente al momento del suo abbattimento.

L’ipotesi di reato contestata risponde all’articolo 544 bis del codice penale, secondo il quale “chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni”. Il punto è proprio questo: era davvero necessario abbattere l’orsa? Secondo un’inchiesta realizzata dal politico e attivista ecologista Davide Celli e prodotto dall’associazione LegioUrsa, in Trentino esiste ormai da anni una vera e propria “questione orsi”, che va ben oltre la vicenda di KJ2. Il problema riguarda la non facile convivenza tra uomo e animali, gestita secondo l’etologo Roberto Marchesini solo ed esclusivamente dal punto di vista antropocentrico: “Prima si pensava che l’orso potesse essere un’attrazione turistica, oggi invece che possa essere un dissuasore turistico, passando da una posizione all’altra, ma sempre con lo stesso spirito”.

Questo, ovviamente, a scapito delle specie animali sul territorio: “Se a qualcuno dà fastidio un orso – continua infatti il dott. Marchesini – creerà un casus belli e le condizioni affinché quell’orso possa essere considerato pericoloso e da abbattere. A quel punto, qualsiasi considerazione di carattere etologico sarà completamente inutile“. L’ultima parola in ogni caso spetterà al Gup, che dovrà decidere se accogliere o meno la richiesta di archiviazione nei prossimi giorni.

“Catturate Kj2 viva o morta”: il cortometraggio che svela la verità sugli orsi in Trentino

Print Friendly
Mostra commenti (0)