Spreco di cibo: lasceresti la doccia aperta per 6 ore?

Una bellissima campagna di due organizzazioni no-profit americane illustra in modo semplice e chiaro perché è importante ricordarsi di non sprecare cibo.

spreco di cibo

Lasceresti la doccia aperta per 370 minuti? E’ la domanda che due organizzazioni americane ci pongono in occasione della 46esima Giornata della Terra, istituita nel 1970.

La vita delle fragole

Natural Resources Defense Council, organizzazione ambientalista internazionale con base a New York, ha lanciato una nuova iniziativa, Save the Food, in collaborazione con un’altra organizzazione no-profit, Ad Council. Per promuovere l’iniziativa e il nuovo sito, savethefood.com, è stato realizzato un breve e bellissimo video sulla vita delle fragole.

Lo spreco di cibo

La campagna illustra il gravoso tema dello spreco di cibo attraverso alcuni paragoni molto interessanti, ad esempio spiegandolo in termini di durata di una doccia. Buttare una libbra di banane equivale a 42 minuti di doccia, una di pollo per 104 minuti, di formaggio per appena più di due ore (122 minuti) e di manzo per una cifra monstre: 370 minuti. Ci faremmo mai una doccia così lunga? Forse no, ma è utile sapere che quando buttiamo via alcune di queste cose è come se sprecassimo l’acqua necessaria per una doccia infinita.

Un bel messaggio per una bellissima idea e campagna: a questo punto non resta che fare un salto in cucina e provvedere a mangiare (o utilizzare per qualche gustosa ricetta) ciò che andrebbe altrimenti buttato. E’ un bellissimo modo per festeggiare la Giornata della Terra.

Yuri Benaglio

Insieme

Con il 2021 ci piacerebbe continuare a produrre contenuti, informazione di alta qualità, ricette meravigliose e permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezza su questi temi: possiamo farlo insieme, se vuoi.
Abbonandoti a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, potrai goderti ricette inedite e contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it. Iniziamo da qui.

Print Friendly
0