Bologna, menù vegano nelle scuole ma con la firma del medico

Menu vegano a scuola? A Bologna l’opzione diventa valida nei moduli da compilare da parte dei genitori, ma solo se c’è la firma del medico

mensa

Da febbraio nelle mense scolastiche bolognesi  per i bambini ci sarà la possibilità di scegliere l’opzione vegana con menù basati su alimenti totalmente vegetali. I vassoi quindi saranno personalizzati eliminando gli alimenti di origine animale.

L’amministrazione bolognese, infatti, ha deciso di modificare il modulo di richiesta per la mensa con l’aggiunta di un’opzione vegana: ci dovrà essere la firma dello stesso genitore richiedente e in aggiunta anche quella del pediatra o del medico di famiglia.

La LAV, soddisfatta di questa iniziativa, chiede però al sindaco e all’assessore bolognese competente, di modificare il modulo cancellando, grazie alla recente sentenza n.245/2015, la prescrizione del medico ritenendola discriminante rispetto alla scelta onnivora di alcune famiglie in cui non è presente questa richiesta.

Contrario all’introduzione del menù vegano nelle scuole è Emilio Franzoni, neurospichiatra dell’Università di Bologna, che sulle pagine di Repubblica.it ha dichiarato che la scelta vegana “È la porta aperta per l’anoressia” Via libera per il dottore alla scelta vegetariana: “presenta qualità nutrizionali che salvaguardano la persona, la dieta vegana comporta rischi, sopratutto se il soggetto ha una predisposizione ai disturbi di comportamento alimentare come la cosiddetta alimentazione selettiva”.

 

 

 

Print Friendly
0