“La mia famiglia mangia green”: il manuale completo per la famiglia veg

Mangiare green è molto più facile di quello che sembra… se sai come fare! Ce lo spiega la dottoressa e nutrizionista Silvia Goggi nel suo primo libro dedicato all’alimentazione a base vegetale per tutta la famiglia.

Organizzazione, una spesa fatta come si deve e un pizzico di conoscenza (quanto basta) delle caratteristiche nutrizionali degli alimenti che portiamo in tavola ogni giorno. Mangiare green in famiglia non è poi così difficile. Parte da qui, da un’idea di semplicità e grande praticità, il percorso alla scoperta della cucina a base vegetale per tutta la famiglia di “La mia famiglia mangia green”, il volume di Silvia Goggi pubblicato in queste settimane da Edizioni Sonda. Nel suo primo libro la dottoressa e nutrizionista specializzata in alimentazione a base vegetale mette insieme le nozioni scientifiche del medico, l’esperienza pratica di una mamma di due bambini piccoli e la conoscenza delle mille esigenze e problematiche che ruotano intorno a uno dei momenti più delicati della vita di una famiglia: la preparazione dei pasti. 

Focus salute

Niente attenzione maniacale alle dosi e alle combinazioni degli alimenti, nessuna particolarità abilità richiesta ai fornelli, solamente un po’ di attenzione e di studio per apprendere i rudimenti dell’educazione alimentare è quanto richiesto ai genitori per imparare a mettere nei piatti (e negli zaini) dei propri bambini cibi che possono fare la differenza per la loro salute, di oggi e di domani. La necessità di tutelare il benessere di tutti i membri della famiglia, in modo particolare dei più piccoli, è infatti il focus intorno al quale Silvia Goggi costruisce un percorso valido dallo svezzamento alla maggiore età che predilige l’alimentazione green in quanto protettiva e, insieme, adatta a soddisfare le esigenze della crescita.

Le ricette verdi 

Articolato in tre parti, il volume si apre, infatti, con una parte teorica di taglio divulgativo che prende in esame, uno dopo l’altro, tutti i nutrienti presenti nei cibi vegetali per imparare quali sono quelli da preferire e quelli, invece, da evitare. Silvia Goggi ci accompagna poi al supermercato, con suggerimenti e tanti consigli pratici per costruire la dieta verde della famiglia a partire da una dispensa il più possibile varia, sana e, possibilmente, ecologica. Spazio quindi alle ricette, oltre 200, con tanti spunti per pianificare il menu settimanale: i piatti proposti, con le relative preparazioni e fotografie, sono infatti divisi per fasce di età dei bimbi, dai 6 mesi ai 17 anni, e per stagioni primavera/estate e autunno/inverno. A B12 e menu verdi a scuola è dedicata la terza e ultima sezione del libro. 

Mangiare green in pillole

In attesa di “studiare” le nozioni sui nutrienti, chiare e di facile comprensione, proposte da Silvia Goggi, e di cimentarvi ai fornelli, ecco qualche “pillola di base” tratta dal libro, per iniziare a prendere confidenza con l’alimentazione green per tutta la famiglia:

  • pianificare prima di tutto: foglio bianco, righello e penna è quanto basta per stilare un vero e proprio piano settimanale di “attacco” con l’elenco dei piatti da preparare giorno per giorno che tenga conto delle necessità e dei ritmi della famiglia. Uno strumento fondamentale per evitare di arrivare ogni sera impreparati davanti ai fornelli;
  • bambini che non mangiano abbastanza: i più piccoli sanno, per natura, regolarsi. Se non mangiano, è perché in quel momento non hanno fame. Non ha senso forzarli, mangeranno al pranzo successivo. Peggio ancora è, sottolinea la nutrizionista, concedere loro biscotti o merendine purché mangino qualcosa;
  • conoscere le basi: cereali, il più possibile vari per tipologia e formato, legumi, verdura (di tutti i colori, soprattutto a foglia verde), frutta fresca, frutta secca e semi oleosi (nella forma adatta all’età del bambino), erbe e spezie sono gli ingredienti che non devono mai mancare in dispensa;
  • integrale, che bontà: dopo l’anno, anche i bambini possono mangiare cereali integrali un paio di volte a settimana. Dai 2 anni in poi, se non ci sono particolari problemi di crescita, il loro uso è completamente sdoganato, anzi vivamente consigliato;
  • sì all’acqua del rubinetto: non è necessario dare ai nostri bambini acque ad elevato contenuto di calcio (a meno che non introducano giuste quantità di questo nutriente con gli alimenti). Le acque in bottiglie sono, infatti, una soluzione inquinante e costosa perfettamente sostituibile con l’acqua del rubinetto. E quella frizzante? Dal punto di vista nutrizionale, non ci sono controindicazioni al suo consumo, neanche per i bambini;
  • soia, semaforo verde: non ci sono motivi validi per evitare la soia e i prodotti derivati, nemmeno per quanto riguarda la questione dei fitoestrogeni. Non è dimostrato, infatti, che quelli della soia agiscano come interferenti endocrini, spiega la dottoressa;
  • non demonizziamo i surgelati: la spesa fresca è senza dubbio da preferire ma Silvia Goggi ci ricorda come con il processo di surgelazione la perdita di nutrienti degli alimenti non sia poi così drammatica. Insomma, se questo è uno dei modi per consumare in casa la verdura, ben vengano anche i surgelati!
  • facciamo colazione tutti insieme: una buona abitudine da trasmettere ai bambini è quella di fare sempre colazione. I bambini che fanno colazione mostrano, infatti, una migliore capacità di memorizzazione e di risoluzione di problemi, oltre a una migliore comprensione scritta e orale; 
  • B12, basta integrarla: la dieta green è in grado di soddisfare tutti i fabbisogni della crescita ed è protettiva per la salute. L’unico nutriente mancante in un’alimentazione a base esclusivamente vegetale è la B12, ma è sufficiente integrarla seguendo le corrette indicazioni mediche;
  • diritti: richiedere un menu a base vegetale a scuola è un diritto di ogni famiglia per il quale non serve alcun certificato medico. Nessuna mensa o Ats può negarlo.

“La mia famiglia mangia green”
di Silvia Goggi
Edizioni Sonda
Euro 19,00

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)