Animali

Lori Lento: quei video “teneri” sono delle torture

Tanti video sul web ce li hanno fatti conoscere come animali tenerissimi; in realtà dietro a questi video si nasconde un commercio crudele e illegale

Ultimamente sui social circolano dei video apparentemente tenerissimi, che mostrano dei Lori Lento – piccoli mammiferi originari dell’Indonesia – mentre vengono coccolati e accarezzati, godendosi una buona dose di solletico sotto le zampe. Grazie ai loro occhioni languidi e al musetto simpatico i Lori Lento hanno letteralmente fatto impazzire il web. Ma dietro a questi filmati si nascondono delle vere e proprie torture, come ci raccontano gli attivisti dell’associazione International Animal Rescue attraverso l’iniziativa “Tickling is Torture” (“Il solletico è una tortura”).

La verità nascosta

I Lori Lento vengono sottratti al proprio habitat naturale e riposti in gabbie piccolissime, per poi essere venduti nei mercati cittadini in quello che è un fiorente commercio di esseri viventi. Dal momento che si tratta di mammiferi velenosi e che il loro morso può risultare mortale per l’uomo, prima di diventare animali domestici i Lori Lento vengono sottoposti alla totale asportazione dei denti (senza anestesia, ovviamente), che li rende innocui per i futuri padroni. Una volta diventati “domestici”, i Lori Lento vengono alimentati con una dieta scorretta, diversa da quella per loro naturale: frutta e insetti vengono sostituiti da frutta e carne, forse per comodità o semplicemente per mancanza di conoscenza. Quello che conta è che questo provoca nei Lori Lento un grave stato di malnutrizione oltre che diabete, infezioni e malattie metaboliche.

Inoltre questi mammiferi sono animali notturni: i loro occhi così dilatati e grandi, che li rendono assai teneri nei video, non sono la normalità ma piuttosto una reazione fisica alla luce, troppo intensa e abbagliante per delle pupille abituate alla penombra. Infine veniamo al solletico, che di tutto ciò che abbiamo elencato può sembrare il minore dei problemi. Al contrario, è per i Lori Lento una vera e propria “tortura”, esattamente come ci dicono i volontari di International Animal Rescue: quando nei video li vediamo sollevare le zampe anteriori in un gesto di apparente soddisfazione, in realtà sono terrorizzati e stanno semplicemente cercando di difendersi, attivando le loro ghiandole velenose poste vicino ai gomiti.

La petizione

I Lori Lento sono animali in via di estinzione e la loro detenzione come animali domestici è considerata illegale in molti paesi. Nonostante questo, migliaia di esemplari vengono ogni anno catturati, sottoposti a sofferenze e poi venduti come oggetti in un commercio di contrabbando davvero triste. Molte sono le personalità di spicco che hanno aderito a questa campagna – tra le quali anche l’attore Peter Egan, che presta il proprio volto nel filmato – e che chiedono di salvare i Lori Lento. “Io viaggio per lavoro e ho avuto la fortuna di vedere questi animali in natura – ha dichiarato Simon Reeve, conduttore televisivo britannico – Non supportate il crudele traffico che trasforma i Lori Lento in animali domestici. Insieme possiamo lavorare per portare a galla la verità e mettere fine a questa sofferenza.”

International Animal Rescue ha lanciato anche una petizione per dire “basta” a questa crudeltà, invitando a condividere il più possibile il loro video-verità e soprattutto a partecipare alla raccolta fondi per procurare integratori vitaminici ai Lori Lento malnutriti salvati dalla cattività e curati in centri di recupero appositi.

Pesca dei polpi: indagine shock di EssereAnimali

Autore

Laura Di Cintio

Redattrice di Vegolosi.it, si occupa di temi legati alla cultura vegana, al tema ambientale ed etico.

Sito web Tutti i post

Ti interessano contenuti come questo?

Ricevi via mail il meglio della settimana di Vegolosi.it