Orzotto al limone e zenzero

Orzotto al limone e zenzero

Il risotto fa parte della tradizione gastronomica italiana ed è ormai apprezzato anche da vegetariani e vegani che sono riusciti a trovare tecniche alternative per rendere la cremosità del piatto. In mancanza di riso e con la volontà di provare qualcosa di diverso è nato questo orzotto al limone e zenzero. Il principio è lo stesso, ci metterà solo qualche minuto in più di cottura (25-30 minuti contro i 18-22 del risotto). La combo limone-zenzero anche in questo caso fa la sua bella figura. Provate!

Ingredienti per 4 persone

400-450 g di orzo
1 limone piccolo non trattato
1 pezzo di radice di zenzero o zenzero in polvere
brodo vegetale preparato con del tè nero di base
1 cipolla dorata
olio
vino bianco
sale e pepe qb
latte di riso

Procedimento

Preparate il brodo vegetale con il tè nero: in una pentola d’acqua dove avete precedentemente preparato il te, aggiungete della salvia, rosmarino, pepe e poco sale grosso. A piacere se volete anche una patata, una carota ed metà cipolla. Iniziate con il metodo classico del risotto facendo soffriggere leggermente la cipolla e lo zenzero fresco (in caso usaste quello in polvere aggiungetelo dopo le prime mestolate di brodo), aggiungete l’orzo e lasciate tostare sfumando con un po’ di vino bianco.

A parte grattuggiate la scorza del limone e spremetene il succo. Dopo cinque minuti di cottura aggiungete le scorzette e continuate a girare con il brodo. Sul finire della cottura aggiungete il succo di limone, facendo attenzione a non esagerare a seconda dei gusti. Spegnete il fuoco, aggiungete un poco di latte di riso a filo, mescolate e lasciate risposare due minuti.

Decorate a piacere e buon appetito!

 

Insieme

Abbonarsi a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, ti permetterà di goderti ricette inedite, contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it e il lavoro facciamo ogni giorno per permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezzaSe vuoi, puoi farlo da qui.

***

Non ora ma ricordamelo!

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto e ti invieremo un massimo di due email, nei prossimi 30 giorni.

Print Friendly
0