Stampa

Marmellata di pesche senza zucchero

Per donare densità a questa marmellata di pesche senza zucchero abbiamo sfruttato la pectina, un addensante naturale contenuto nelle mele. Per conferire un leggero tocco di dolcezza in più e per aromatizzare la nostra marmellata abbiamo aggiunto anche un po’ di sciroppo d’acero, ma non è indispensabile.

Ingredienti

Strumenti

Si cucina!

Sbucciate le pesche, poi dividetele in spicchi e tagliateli ancora fino a ottenerne 4-5 cubetti per ciascuno.

Prepariamo la mela

Tagliate la mela in 4 spicchi, rimuovete il torsolo (ma non la buccia!) e poi tagliatela a dadini. Trasferiteli nel tritatutto e frullate fino ad ottenere una purea morbida.

Cuociamo la marmellata

Versate le pesche, la mela frullata e lo sciroppo d’acero in una pentola: accendete il fuoco e portate a bollore. Dopodichè coprite con un coperchio e cuocete per circa un’ora, mescolando di tanto in tanto, fino a quando la frutta sarà bella morbida e si sarà asciugata.

Trasferiamo nei vasetti

Trasferite la marmellata ancora bollente in vasetti di vetro precedentemente sterilizzati in forno o in acqua bollente, chiudeteli bene e appoggiateli a testa in giù su un tavolo, lasciandoli in quella posizione finché la marmellata non si sarà raffreddata completamente. A questo punto potete conservare la vostra marmellata in dispensa o gustarla su una bella fetta di pane.

Che ricetta preparare con questa marmellata di pesche?

Vi consigliamo di utilizzare questa marmellata di pesche senza zuccheri aggiunti per farcire una crostata senza zucchero oppure in accompagnamento a questo pane dolce al the verde e frutti rossi.

Iscriviti alla newsletter e ricevi subito l'ebook gratis

Quattro ricette MAI pubblicate sul sito che potrai scaricare immediatamente. Puoi scegliere di ricevere una ricetta al giorno o una newsletter a settimana con il meglio di Vegolosi.it.  Iscriviti da qui.

Conservazione

Potete conservare questa marmellata, se opportunamente travasata in vasetti di vetro sterilizzati e lasciati raffreddare a testa in giù per formare il vuoto, fino a 6 mesi. Una volta aperta potete conservarla in frigorifero una settimana.