Stampa

Orzo con pesto di edamame alla menta e rucola

L’orzo con pesto di edamame alla menta e rucola è un primo piatto ideale da gustare sia caldo che a temperatura ambiente, con un condimento cremoso a base di edamame saltati in padella con uno spicchio d’aglio, e completato da rucola, menta e anacardi. Perfetto anche come pranzo d’asporto da portare in ufficio o al mare.

Ingredienti

Strumenti

Si cucina!

Sciacquate bene l’orzo sotto l’acqua corrente, poi versatelo in una pentola e copritelo con l’acqua. Portate ad ebollizione, salate, coprite con un coperchio e lasciate cuocere l’orzo per assorbimento per 20 minuti, fino a quando tutta l’acqua si sarà asciugata. A questo punto spegnete la fiamma e lasciate riposare l’orzo una decina di minuti sempre coperto con il coperchio.

Prepariamo il pesto

Soffriggete lo spicchio di aglio intero in una padella insieme ad un filo d’olio fino quando risulterà leggermente dorato, poi aggiungete gli edamame, sale e pepe e fate cuocere per 5 minuti fino a quando saranno cotti e dorati. Rimuovete lo spicchio di aglio, tenete da parte 2 cucchiai di edamame per la decorazione finale e versate gli altri nel bicchiere alto del minipimer insieme a 25 g di rucola, la metà degli anacardi, la menta e l’olio e frullate aggiungendo man mano l’acqua necessaria per ottenere un pesto morbido.

Condiamo l’orzo

Sgranate l’orzo con una forchetta di legno e conditelo con il pesto di edamame e la rucola che avevate tenuto da parte, sminuzzandola un po’. Impiattate e completate ciascuna porzione con gli edamame e gli anacardi tenuti da parte e servite subito.

Iscriviti alla newsletter e ricevi subito l'ebook gratis

Quattro ricette MAI pubblicate sul sito che potrai scaricare immediatamente. Puoi scegliere di ricevere una ricetta al giorno o una newsletter a settimana con il meglio di Vegolosi.it.  Iscriviti da qui.

Conservazione

Potete conservare questo orzo 2-3 giorni in frigorifero in un contenitore per alimenti. Al momento del consumo potete consumarlo sia a temperatura ambiente che riscaldandolo nuovamente.